Pesticidi in frutta e verdura: ecco la “Sporca Dozzina”

Anche quest’anno l’Environmental Working Group (EWG) ha pubblicato la cosiddetta “Sporca Dozzina” (Dirty Dozen), ovvero la lista di frutta e verdura più contaminate da pesticidi.

Anche quest’anno in cima alla “lista nera” troviamo le fragole seguite da: spinaci, cavolo, nettarine, mele, uva, pesche, ciliegie, pere, pomodori, sedano, patate. L’analisi dell’EWG prende in esame i prodotti del Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti e ogni anno rilascia la Shopper’s Guide to Pesticides in Produce.

A fronte della “Sporca Dozzina” vi è anche la Clean Fifteen, ovvero l’elenco dei 15 cibi (frutta e verdura) che contengono la minor concentrazione di pesticidi e che secondo l’EWG sono gli alimenti più sicuri da acquistare. Ai primi posti tra questi vi sono: avocado, mais dolce e ananas seguiti da piselli dolci surgelati,cipolle, papaya, melanzane, asparagi, kiwi, cavoli, cavolfiore, cantalupi, broccoli, funghi e meloni di melata.

Quando raccolgono i dati per la Guida, spiega l’EWG, i ricercatori lavano e/o sbucciano i prodotti prima di testarli, come farebbe un consumatore prima di mangiarli. Quindi, anche se è importante lavare frutta e verdura, è pur vero che ciò non basta a rimuovere tutte le tracce di pesticidi.

In generale, quasi il 70% dei prodotti venduti negli Stati Uniti contiene residui di pesticidi, secondo EWG.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su