Pesticidi in frutta e verdura: dalla Francia un report allarmante

Il 72% della frutta e il 43% degli ortaggi in Francia contiene residui di pesticidi. Il 2,9% del campione della frutta analizzata supera il limite di legge che nella verdura sale al 3,4%. È quanto emerge dal report pubblicato oggi dalla Ong Générations Futures.

Il report è stato stilato integrando i dati dei piani di monitoraggio 2012-2017 della DGCCRF (Direzione generale della concorrenza, del consumo e del controllo delle frodi), uno studio durato 6 anni. Inoltre sono state prese in esame solo le piante analizzate almeno 5 anni su 6 e in un numero significativo di campioni. Il risultato è un rapporto esclusivo basato su oltre 13.000 analisi che hanno riguardato, complessivamente, 18 tipi di frutta e 32 verdure.

Tra la frutta i principali prodotti contaminati sono risultati:  ciliegia (89% dei campioni), clementina / mandarino (88,1%), uva (87,3%), pompelmo (86,3%), nettarine / pesche (83%), le fragole (82,9%) e le arance (81,2%). Questi frutti sono in cima alla classifica per la presenza di residui quantificati di pesticidi nei campioni analizzati per frode tra il 2012 e il 2017. I frutti che sono meno colpiti da questa presenza di residui di pesticidi sono prugne / mirabelle (50,8%) seguite da avocado (27,8%) e kiwi (25,8%).

Tra le verdure invece: sedano (84,9%), il sedano rapa (82,5%), le erbe fresche (69,3%), le indivie (67,2%) o lattuga (66,5%), che si trova in cima alla classifica per la presenza di residui quantificati di pesticidi in questo periodo. Alla fine della classifica, per questa presenza di residui di pesticidi, troviamo: barbabietole (6,9%), madera / igname (3,7%), asparagi (2,1%) e infine mais dolce (0,8%).

I prodotti che hanno riportato sforamenti dei limiti di legge sono stati tra i frutti ananas(9,6% dei campioni), seguita da ciliegie (5,2%), kiwi (4,2%), pompelmi (4,2%) e clementine / mandarini (3%), mentre tra le verdure, sono le erbe fresche che nel 21,5% dei casi presentano concentrazioni superiore ai limiti di legge, seguito dal sedano (15,7%) e dalle rape (8,8%).

“Oltre a costituire un’utile fonte di informazioni per il consumatore nelle sue scelte – spiega François Veillerette direttore di Générations Futures – ci auguriamo che questo rapporto permetterà a tutti noi di diventare consapevoli della necessità di cambiare le pratiche agricole eliminando la dipendenza da questi inquinanti, alcuni dei quali rappresentare un pericolo per la nostra salute e il nostro ambiente”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su