Pesca: da Greenpeace la classifica del tonno sostenibile

È stata pubblicata da Greenpeace la classifica ‘Rompiscatole’ sulla sostenibilità del tonno in scatola che prende in considerazione 14 aziende italiane rappresentative dell’80% del mercato nazionale. Al primo posto della classifica si colloca anche questa volta Asdomar, che negli anni ha continuato a migliorare e a mettere in pratica i suoi impegni a favore della pesca sostenibile, utilizzando solo la canna per pescare e rendendo l’etichetta ancora più trasparente.

Asdomar, riferisce Greenpeace, migliora gli impegni, offrendo in una parte dei propri prodotti il più sostenibile tonnetto striato pescato con canna e fornendo tutte le informazioni in etichetta Al secondo posto troviamo invece Mareblu che si impegna a utilizzare solo metodi di pesca sostenibili entro il 2016.

Impegno a metà, invece, per Rio Mare, leader nelle vendite. Secondo Greenpeace, infatti, l’azienda non offre una piena ‘qualità responsabile’, non avendo neppure eliminato dall’intera produzione i metodi di pesca distruttivi.

Agli ultimi posti della classifica si trovano il tonno Nostromo, MareAperto STAR e Maruzzella che, ad oggi, non hanno adottato nessun criterio che garantisca ai consumatori che il tonno non arrivi da una pesca distruttiva. Anche il marchio Callipo scende in classifica.

Tra i risultati più significativi, Greenpeace registra l’impegno di molte aziende verso una maggiore trasparenza: entro la fine del 2012 10 aziende delle 14 in classifica riporteranno in etichetta nome della specie e area di pesca (tre anche il metodo di pesca)”.

La grande distribuzione in Italia invece ‘fa pochi passi avanti’. “È necessario impegnarsi a vendere solo tonno pescato in modo sostenibile – ha afferma Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace – favorire il recupero degli stock a rischio e incentivare una migliore gestione della pesca”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su