Perché le diete falliscono?

La sottostima delle calorie assunte, la sovrastima di quanto si brucia con l’esercizio fisico, il mangiare a orari sbagliati e il dormire poco. Questi secondo un’esperta della Loyola University sono i quattro motivi principali per cui le diete falliscono.

Per affrontare questo problema secondo Jessica Bartfield del Center for Metabolic Surgery & Bariatric Care, una soluzione può essere quella di prendere nota di tutto ciò che si mangia, incluse le bevande e gli eventuali “spuntini”.

Per calcolare quanto si brucia bisogna invece tenere conto del fatto che per perdere circa mezzo chilo alla settimana è necessario tagliare circa 500 calorie al giorno: un obiettivo difficile da raggiungere perché secondo l’esperta sereve un’ora di esercizio vigoroso.

Per quanto riguarda gli orari a cui mangiare l’esperta consiglia di non far passare più di cinque ore tra un pasto e l’altro. Per quanto concerne il sonno poi è importante dormire più di sei ore a notte: “Molti studi hanno dimostrato che sotto questa soglia si hanno alti livelli di grelina, l’ormone associato all’appetito”.

Dei motivi per cui le diete si rivelano spesso fallimentari si è occupato anche Phoenix Gilman nel libro “Perché le diete falliscono. La cruda verità”.

“Un libro rivoluzionario, completamente diverso da qualsiasi altro testo sul dimagrimento. Costruito come un dialogo aperto tra l’autrice e suoi lettori, La cruda verità non parla di diete dal solito punto di vista. Questo libro può davvero aiutare le persone a capire perché i loro tentativi di dimagrire sono fino a oggi falliti e spiegare loro in che modo è possibile dimagrire e soprattutto mantenere il giusto peso nel tempo”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su