Emergenza formazione: 4 medici su 10 in pensione nel 2020

Nei prossimi dieci anni circa 4 medici su 10 andranno in pensione: centoquindicimila camici bianchi, oggi compresi nella fascia di età tra i 51 e i 59 anni, ovvero il 38% di tutta la popolazione medica attiva. A comunicarlo è stata la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici (FNOMCEO) nel corso della II Conferenza nazionale della professione medica, tenutasi ieri a Roma.

Tra i 115mila medici che lasceranno il lavoro, sono compresi il 48% dei medici dipendenti dei servizi sanitari regionali e Università, il 62% dei medici di famiglia, il 58% dei pediatri di libera scelta, il 55% degli specialisti convenzionati.

Considerati questi dati, secondo la FNOMCEO, “la formazione dei futuri camici bianchi è una vera emergenza, per la quale serve un progetto ad hoc, efficace, che richiede innanzitutto una maggiore connettività e flessibilità nelle relazioni e nelle ‘regole di ingaggio’ tra le Facoltà di medicina e le strutture pubbliche e private accreditate dei Servizi sanitari regionali”.

“Abbiamo posto il tema della qualità professionale nella prospettiva di rafforzare un fondamento critico per la sostenibilita’ del nostro sistema di cure e quindi di quei preziosi valori di equita’, solidarieta’, universalismo dei destinatari di cui, oggi, e’ insostituibile espressione materiale”, ha spiegato il presidente della Fnomceo, Amedeo Bianco .

Questa la prospettiva dei medici italiani che si sono confrontati il 2 e 3 dicembre a Roma in occasione del Convegno “La qualita’ professionale per la qualita’ delle cure”, svoltosi nell’ambito della II Conferenza nazionale della Professione medica.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su