La pennichella dopo pranzo fa male al cuore

La pennichella dopo pranzo può determinare un aumento dei trigliceridi nel sangue e provocare l’intasamento delle arterie. A dimostrarlo è uno studio  dell’ Università di Reading (Regno Unito) di cui discuteranno gli esperti che parteciperanno all’80/o Congresso Europeo di Arteriosclerosi (Eas) che, presieduto da Alberico Catapano, si svolgerà a Milano da domani a lunedì prossimo.

Capatano ha spiegato che un’ora dopo il pranzo si ha un picco di trigliceridi, che vanno dal 30 al 300% dei valori a digiuno, dovuto agli acidi grassi liberi che vengono rilasciati dal tessuto adiposo e che contribuisce a provocare un maggior rischio di malattie cardiache e problemi coronarici. Si tratta di un effetto che più evidente nei soggetti anziani.

Lo studio ha inoltre dimostrato che le persone sedentarie hanno picchi più alti. Al contrario, chi invece fa almeno una camminata a passo svelto di 30 minuti al giorno (“deve essere un esercizio aerobico, basato sulla durata e sulla resistenza, non sulla potenza muscolare”) ha picchi meno alti di trigliceridi.

Dalla ricerca è inoltre emerso che una moderata attività fisica dopo il pranzo, al posto del ‘riposino’, migliora i fattori di rischio associati alle malattie cardiovascolari. Ciò vale in particolare per gli individui obesi o sovrappeso.

Circa 2 milioni di italiani convivono con problemi cardiovascolari conclamati e si sono lasciati alle spalle già un infarto o altri problemi a cuore e vasi. Altri 4 milioni di connazionali, poi, sono ad alto o altissimo rischio di incappare in eventi cardiaci potenzialmente mortali.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su