Patate viola e carote nere, dalla natura i nuovi coloranti

Tornano alla carica i nuovi coloranti naturali guidati da patate viola e carote nere ripescati da antiche tradizioni, al punto che radici e tuberi tornano adesso ad essere coltivati appositamente per ottenere coloranti. I nuovi coloranti e le tecniche per ottenerli sono stati presentati nel congresso della Società americana di Chimica in corso a Indianapolis.

I coloranti naturali, ricomparsi in risposta alle esigenze dei consumatori, sono più sostenibili e in alcuni casi anche più facili da produrre.

“Oltre a rendere più appetibili cibi e bevande, i coloranti naturali aggiungono composti antiossidanti che possono avere un effetto benefico sulla salute’”, ha osservato Stephen Talcott, della Texas A&M University, che conduce ricerche sui pigmenti estratti dalle patate viola, chiamati antociani. La ricetta di Talcott si sta concentrando in particolare sulla gamma di colori che va dal rosa chiaro al rosa marcato, al rosso al viola scuro, tutti estratti dalle patate viola, disponibili in commercio negli Stati Uniti dal 2006, ma ancora difficili da trovare nei negozi.

Le patate viola hanno gli stessi pigmenti che si trovano nelle ciliegie nere. Sebbene difficili da estrarre, gli antociani di queste patate hanno dimostrato di essere tra i migliori pigmenti per colorare cibi e bevande, dalle acque arricchite di vitamine, al gelato e allo yogurt. Inoltre, i coloranti estratti dalle patate viola offrono il vantaggio di avere un sapore neutro, a differenza del sapore leggermente terroso e amaro dei coloranti a base di uva.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su