Una passeggiata al giorno allunga la vita

Passeggiare a passo svelto per 25 minuti al giorno può contribuire ad allungare la vita di ben sette anni. A sostenerlo è uno studio tedesco presentato al congresso della Società Europea di Cardiologia in corso a Londra. Secondo la ricerca, non solo l’esercizio fisico moderato può dimezzare il rischio di morte per un attacco di cuore fra i 50-60enni ma può anche contribuire a rallentare l’invecchiamento.

Secondo lo studio condotto all’Università di Saarland su un campione di circa 70 persone, tra i 30 e i 60 anni, e sedentarie, il fatto di sottoporle a una attività fisica aerobica continua, unita anche ad allenamenti più intensi, ha determinato una serie di miglioramenti della loro salute riscontrabili negli esami del sangue. E’ stato infatti rallentato il processo di invecchiamento e si è attivato un processo di riparazione del Dna.

“Questo suggerisce che quando le persone si allenano regolarmente, possono essere in grado di rallentare il processo di invecchiamento“, ha dichiarato Sanjay Sharma, professore di malattie cardiache ereditarie in Cardiologia dello Sport alla St George’s University Hospitals NHS Foundation Trust di Londra.

“Non potremo mai evitare di invecchiare, ma possiamo ritardare quel momento. Possiamo sembrare più giovani a 70 anni e provare a vivere fino a 90: l’esercizio fisico, infatti, fa guadagnare da 3 a 7 anni di vita. Non solo. È un antidepressivo, migliora la funzione cognitiva e ora ci sono prove che potrebbe ritardare l’insorgere della demenza”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su