Il paracetamolo può aumentare il rischio di infarti e ictus

L’uso prolungato e ad alte dosi del paracetamolo, uno degli antidolorifici ed antipiretici da banco più diffusi, assunto tutti i giorni e ad alto dosaggio, aumenta del 68% i rischi di infarto ed ictus. Inoltre il paracetamolo che agisce inibendo l’azione delle prostaglandine (mediatori dei processi infiammatori) aumenta del 50% il rischio di ulcera o emorragie.

Come riferisce il Daily Mail, è questo il quadro che emerge da uno studio condotto da ricercatori britannici del ‘Leeds Institute fopr Rheumatoc and Musculockeletal Medecine’ su 666.000 pazienti seguiti in 8 diverse risceche, che hanno assunto quotidianamente paracetamolo fino ad un massimo di 14 anni per lenire i forti dolori causati da atrite o gravi mal di schiena.

Già precedenti ricerche hanno evidenziato i possibili effetti indesiderati derivanti dall’assunzione di paracetamolo, come rilevato anche in un articolo in cui il dottor Roberto Gava spiega come ridurre i danni della Tachipirina.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su