Paracetamolo addio?

Paracetamolo addio? Per decenni uno degli antidolorifici più utilizzati, il paracetamolo potrebbe essere ora mandato in pensione e sostituito da farmaci con molecole che agiscono nello stesso modo ma che non comportano  effetti collaterali tossici osservati in casi di sovradosaggio, nel midollo spinale e nel fegato.

Un gruppo di ricercatori provenienti da Francia, Svezia e Regno Unito ha descritto infatti sulla rivista Nature Communications il meccanismo di azione di questo farmaco, finora sconosciuto sebbene si trovi in commercio dal 1950. 

“Adesso abbiamo capito il meccanismo principale del funzionamento di questa sostanza – ha affermato David Anderson del King’s College di Londra, uno degli autori dello studio – e quindi, possiamo iniziare la ricerca di molecole che funzionino allo stesso modo ma meno tossiche, che non comportino, insomma, complicazioni serie in caso di sovradosaggio”.

Nel gennaio scorso la Food and Drug Administration (FDA) americana ha emesso un avviso sui possibili danni del paracetamolo chiedendone una limitazione a 325 mg per compressa. 

Inoltre uno studio  della Otago University di Wellington pubblicato sulla rivista Clinical and Experimental Allergy ha rilevato che l’assunzione di paracetamolo  può essere associata nei bambini allo sviluppo di asma e allergie.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su