Palermo, ospedale Cervello invaso da acqua e fango

Il nubifragio che la notte scorsa si è abbattuto su Palermo ha colpito anche l’ospedale Cervello. Pazienti, medici e infermieri sono fuggiti via dopo che alcuni reparti sono stati travolti da acqua e fango.

Il peggio si è verificato nell’Unità operativa di gastroenterologia: 14 posti letto, una terapia intensiva con sei posti monitorati, sofisticati strumenti di endoscopia e laboratori collocati sotto il livello della strada sono stati invasi da acqua e fango.

“È la terza volta in due mesi”, lamentano infuriati i pazienti di una struttura che prima era un vanto della sanità in Sicilia. L’ospedale è ora al centro di infuocate inchieste giudiziarie come l’arresto di una dirigente dell’ufficio legale senza titoli per essere assunta se non la parentela con un fratello deputato regionale.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su