Padova: duecento morti ogni anno per infezioni ospedaliere

Ogni anno duecento persone muoiono a causa delle infezioni ospedaliere contratte all’ospedale di Padova. Un numero in aumento e molto simile a quello dei casi riscontrati a Bologna e Firenze. Il problema, infatti, non è da attribuire tanto alle strutture quanto ai batteri divenuti sempre più resistenti.

Come decretato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il vero allarme riguarda i batteri resistenti agli antibiotici che secondo le stime dell’Oms nel 2050 uccideranno più persone del cancro. Tra questi i più diffusi e letali sono: klebsiella pneumoniae, pseudomonas aeruginosa, acinetobacter e stenotrophomonas maltophilia, il batterio trovato nel sangue di Claudia Zen, ragazza di 28 anni deceduta proprio qualche giorno fa.

E responsabili dell’antibiotico resistenza, divenuta un’emergenza a livello mondiale, siamo almeno in parte noi con il nostro uso improprio di antibiotici.

Gli esperti del Regno Unito avvertono che l’antibiotico resistenza sta peggiorando e si stima, come riporta il The Guardian, che ceppi batterici resistenti ai farmaci siano responsabili di 5000 morti all’anno nel Regno Unito e 25.000 all’anno in Europa. Ma il bilancio delle vittime della antibiotico resistenza potrebbe raggiungere 10 milioni all’anno a livello globale nei prossimi 30 anni.

Secondo gli esperti le operazioni di routine in ospedale potrebbero diventare troppo pericolose se i farmaci comuni diventeranno inefficaci nella cura delle infezioni.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su