Osteoporosi: si combatte con la vitamina D

La vitamina D costituisce un valido alleato per combattere l’osteoporosi, malattia che ogni anno in Italia colpisce cinque milioni di persone e causa circa 250 mila fratture. Delle nuove terapie per fronteggiare questa patologia si sono occupati gli esperti riunitisi in un congresso che si è tenuto a Genova.

La vitamina D è ottenuta nel corpo dall’esposizione solare o attraverso la dieta. Tra gli alimenti che contengono vitamina D vi sono: olio di fegato di merluzzo, pesci grassi, salvone, aringhe, latte, uova, fegato e verdure verdi.

La carenza di vitamina D è un problema che riguarda dal 50 al 70 per cento della popolazione europea. Eppure basterebbero 15 minuti all’aperto tre o quattro volte alla settimana, quando il tempo lo permette, per produrre vitamina d a sufficienza. Circa il 90 per cento della vitamina D, infatti, viene sintetizzata nella pelle, in conseguenza all’esposizione solare.

Nel giugno 2007 sulla rivista “American Journal of Clinical Nutrition” sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta da Joan Lappe, professore di medicina nella Creighton University, secondo la quale l’assunzione di vitamina D insieme al calcio da parte di donne in menopausa ha determinato una diminuzione statisticamente significativa del rischio d’insorgenza di carcinomi.

L’ osteoporosi è una patologia che pone l’intero scheletro a rischio di maggiori fratture. Il problema proviene dalla diminuzione di massa e alle modificazione della microarchitettura delle ossa.

La carenza di vitamina D può comportare anche il peggioramento di altre malattie tra cui diabete, tumori, infezioni e patologie cardiovascolari.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su