Osteoporosi: ne soffre il 17% delle italiane

Il 17% delle donne italiane soffre di osteoporosi; una percentuale che sale al 31% se si prende in considerazione anche l’osteopenia severa, anticamera di questa patologia ossea.

È quanto emerge dalla campagna di prevenzione Dai un calcio all’osteoporosi!” promossa dalla Fondazione scientifica F.I.R.M.O – ente non profit per la prevenzione e la cura delle malattie dello scheletro – e condotta in collaborazione con Acqua Sangemini. L’indagine è stata condotta su 3099 donne (57 anni di età media) e 680 uomini (63 anni di età media).

“Data l’età relativamente giovane della popolazione esaminata – ha spiegato Maria Luisa Brandi, endocrinologa dell’Università di Firenze e presidente della Fondazione F.I.R.M.O. che ha condotto lo studio – ci si poteva aspettare risultati migliori quanto a media generale dei valori della densitometria ossea”.

Dalla ricerca è emerso che al Nord ci sono più fratturati (oltre il 40%) rispetto al Centro-Sud (solo il 27%) e anche il maggior numero di sedentari (il 30% degli intervistati dichiara di non svolgere nemmeno 30 minuti di esercizio al giorno contro il 27% del Centro e il 26% del Sud).

“L’invito rivolto in particolare alle donne quarantenni, cinquantenni, sessantenni e anche settantenni in buone condizioni di salute – conclude Brandi –  è quello di abbandonare stili di vita sedentari per dedicare parte del proprio tempo a una sana attività fisica. Camminare mezz’ora al giorno può bastare, ma anche il nuoto o il ballo due o tre volte a settimana possono potenziare il contenuto minerale osseo e il tono muscolare”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su