L’OMS apre le porte alla Medicina Tradizionale Cinese

L’Organizzazione Mondiale della Sanità apre le porte alla Medicina Tradizionale Cinese che, con una storia di circa tremila anni, sta vedendo negli ultimi tempi una grande diffusione in tutto il mondo. Dopo l’introduzione dell’agopuntura, l’OMS si prepara ora a inserire la medicina cinese nel suo compendio medico globale, un documento che viene periodicamente aggiornato e che indirizza il modo in cui si fanno le diagnosi.

La medicina tradizionale cinese si basa sulla teoria che l’energia vitale (Qi) fluisca nel corpo e che la malattia è la rottura di questo equilibrio energetico. I trattamenti, come l’agopuntura, si basano sui principi di yin e yang, e servono a ripristinare l’equilibrio. L’impostazione occidentale cerca invece cause ben definite per spiegare la malattia e solitamente richiede studi clinici randomizzati e controllati che forniscano prove che un farmaco funzioni.

L’OMS puntualizza sulla rivista Nature che la sua strategia è quella di “fornire una guida per gli Stati membri per la regolazione e l’integrazione, di prodotti sicuri e di qualità garantita”, per “integrarla nei sistemi sanitari, ove opportuno”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su