Olio dalla Tunisia: UE approva importazioni “duty-free” per due anni

Per sostenere l’economia tunisina il Parlamento Europeo ha appena approvato misure d’emergenza che permettono l’importazione, per il 2016 e il 2017, di 70.000 tonnellate di olio d’oliva extra vergine tunisino “duty-free”.

I deputati hanno inserito delle salvaguardie che includono una valutazione intermedia sugli effetti di tali misure sul mercato agricolo europeo e la possibilità di aggiornarle nel caso si rivelassero nocive. È inoltre prevista la tracciabilità delle merci durante tutto il percorso.

“L’adozione di queste misure di emergenza rappresenta una buona notizia per la Tunisia, che sta affrontando difficoltà molto gravi. L’aumento della quota di olio d’oliva a dazio zero, senza aumentare il volume totale delle esportazioni, fornirà un aiuto essenziale alla Tunisia e non dovrebbe destabilizzare il mercato europeo. Ciò che è in gioco qui è il successo della transizione della Tunisia verso la democrazia, vitale non solo per la Tunisia ma anche per gli europei”, ha dichiarato la relatrice Marielle de Sarnez (ALDE, FR) dopo il voto.

Il voto segue l’accordo del Consiglio di accogliere tutte le richieste del Parlamento su maggiori salvaguardie per i produttori di olio d’oliva europei. Le nuove tutele prevedono una valutazione intermedia dell’impatto di queste misure sul mercato e l’impegno ad aggiornarle, nel caso dovessero rivelarsi dannose per i produttori dell’UE. È stata inoltre introdotta una clausola relativa alla tracciabilità delle merci, al fine di assicurare che l’olio d’oliva sia interamente prodotto in Tunisia e trasportato direttamente da questo Paese nell’Unione, e cancellata la possibilità di prolungare le misure d’emergenza oltre il periodo iniziale stabilito in due anni.

Il testo dovrà ora essere approvato dal Consiglio europeo ed entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, una volta che i due co-legislatori l’avranno firmato durante la sessione plenaria di aprile.

Contro il provvedimento si è mobilitato il settore agricolo. “Il Parlamento Europeo approva una norma assolutamente sbagliata. È impensabile pensare di aumentare di 35 mila tonnellate l’anno, l’ingresso di olio dalla Tunisia a dazio zero”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. “Proprio nell’anno in cui – ha aggiunto Moncalvo – c’è stato un record di aumento delle importazioni dalla Tunisia. Questa norma non aiuta i produttori tunisini, fa male a quelli italiani e rischia di aumentare le frodi e i danni per i consumatori”.

Secondo la Coldiretti oltre 90mila tonnellate l’anno di olio tunisino senza dazi, sono un “rischio concreto in un anno importante per la ripresa dell’olivicoltura nazionale: si moltiplicheranno le frodi“.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su