Obesità infantile: proteine nel mirino

L’obesità infantile rappresenta in Italia una realtà sempre più diffusa: oltre un milione di bambini sono in  sovrappeso e quasi trecentomila obesi. Sotto accusa non vi sono però soltanto merendine e cibi energetici ma anche carne, latte e formaggio in quanto troppo ricchi di proteine. L’accusa arriva dai medici della Società Italiana di Pediatria (SIP) riuniti a Milano per il Congresso nazionale che si conclude oggi. Nel corso dell’incontro sono stati presentati i risultati della ricerca “Chop” sulla relazione tra alimentazione e obesità.

“Nello studio Chop – ha spiegato il presidente SIP, Marcello Giovannini – abbiamo studiato i bimbi allattati con latte a basso contenuto proteico o ad alto contenuto. E abbiamo visto che a 2 anni i bimbi che assumevano un minor contenuto proteico avevano minore indice di massa corporea, e non avevano un aumento di peso significativo. Il dato è stato confermato anche dopo i 6 anni”.

Secondo gli esperti, bisogna anche non superare i 20 grammi di carne o formaggio e i 30 grammi di prosciutto, per evitare che la dieta del bimbo sia troppo proteica. Vanno evitati anche i tipi di latte vaccino ricchi di proteine, mentre è consigliato l’allattamento al seno fino ai 12 mesi (almeno ai 6 mesi compiuti quando non è possibile proseguire). Il latte materno, infatti, è completo, contiene la quantità necessaria di proteine, grassi e carboidrati.

In Italia i bimbi oversize tra i 5 e i 17 anni sono 1,2 milioni, quasi un bimbo su tre, con una lieve maggioranza di femmine: 51,6% contro il 48,4% dei maschi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su