Obesi, schiena curva, occhi rossi: ecco il ritratto dei lavoratori del futuro

Occhi rossi, in sovrappeso, gambe gonfie e schiena curva per il troppo tempo trascorso al computer. È questo il ritratto dell’impiegato del futuro secondo una ricerca commissionata dall’azienda britannica Fellowes, che ha anche realizzato Emma: un manichino con queste caratteristiche per lanciare l’allarme sui rischi futuri dei ‘colletti bianchi’.

Coordinata da William Higham, autore di diversi libri sul futuro del lavoro, la ricerca si è basata su interviste condotte online su oltre 3mila lavoratori d’ufficio in Gran Bretagna, Germania e Francia. Dallo studio è emerso che solo nel Regno Unito il 50% del campione già soffre di occhio secco, il 48% ha mal di schiena e uno su due ha mal di testa frequenti. Tra gli altri sintomi più frequenti citati vi sono eczema, eccesso di peso e gonfiore alle gambe.

“Il rapporto mostra che gli impiegati devono urgentemente fare qualcosa ora per risolvere il problema dei luoghi di lavoro poco salutari – ha spiegato Higham all’Independent –. Se non faremo dei cambiamenti radicali alle nostre vite lavorative, come fare più movimento, cambiare la postura o fare pause regolari il nostro ufficio ci renderà molto malati”.

“Passiamo ore alla scrivania senza fare movimento – scrivono gli autori – e i nostri corpi iniziano ad atrofizzarsi come conseguenza. Questo accelera non solo i problemi muscolo-scheletrici e la debolezza delle gambe, ma aumenta il rischio di trombosi, problemi cardiovascolari e persino tumori”.

La ricerca conferma così i rischi legati alla sedentarietà che, secondo un rapporto diffuso lo scorso anno in Italia, è responsabile infatti del 14,6% di tutte le morti nel nostro Paese, pari a circa 88.200 casi all’anno e di una spesa in termini di costi diretti sanitari di 1,6 miliardi di euro annui per le quattro patologie maggiormente imputabili ad essa (tumore della mammella e del colon-retto, diabete di tipo 2, coronaropatia).

L’attività fisica rappresenta la forma di prevenzione primaria contro 26 patologie croniche non trasmissibili incluso il diabete, ma contrariamente a quanto si possa pensare l’effetto benefico non deriva esclusivamente da un esercizio fisico organizzato nel tempo e prolungato ma anche da ‘pillole’ di movimento quotidiane.

Il principio fondamentale è quello di interrompere i lunghi periodi di sedentarietà che caratterizzano le nostre giornate: ad esempio, se si lavora per almeno 8 ore al giorno in ufficio seduti, bisognerebbe alzarsi al massimo ogni 45 minuti e camminare per qualche minuto, anche semplicemente percorrendo i corridoi e facendo le scale. Un altro consiglio è quello di approfittare della pausa pranzo e dopo aver mangiato fare una camminata di una ventina di minuti. In questo modo si riduce il picco insulinico con un effetto benefico.  Anche ballare o portare a passeggio il cane sono attività fisiche non troppo intense, ma che hanno grandi effetti benefici.

Piccole azioni quotidiane possono servire dunque a correggere gli stili di vita anche se si è impossibilitati, per esempio, ad iscriversi ad un corso in palestra.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su