Obesi e fumatori inglesi: attesa più lunga per gli interventi

Gli obesi e i fumatori dovranno attendere più a lungo degli altri pazienti prima di subire un intervento non urgente. A deciderlo il Vale of York Clinical Commissioning Group (Ccg) del servizio sanitario inglese per le strutture dell’area di York, area nord dell’Inghilterra, il cui modello potrebbe essere esteso anche altrove.

I malati sovrappeso devono dimagrire del 10% prima di potersi ‘meritare’ l’ingresso in sala operatoria. Mentre chi si ostina a fumare nonostante le indicazioni dei medici deve mettere in conto almeno sei mesi di attesa in più rispetto agli altri.

Le nuove regole, spiega la Bbc, verranno introdotte a gennaio.

Il Ccg ha sottolineato che solo la chirurgia d’elezione per patologie non a rischio di vita sarà coinvolta dalle nuove regole. Si tratta, ad esempio, degli interventi ad anca e ginocchio. Come spiegano dal gruppo si tratta di una scelta che non punta a penalizzare il paziente ma a consentirgli di modificare il proprio stile di vita in modo da ottenere i migliori risultati a lungo termine.

C’è  però chi non è d’accordo, come Clare Marx, presidente del Royal College of Surgeons (Rcs), secondo cui i pazienti “devono essere trattati in base ai sintomi” e non secondo forme di discriminazione.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su