Natale sostenibile: cosa portare in tavola?

“Vogliamo stimolare i consumatori ad adottare comportamenti virtuosi durante le Feste in pieno accordo con i principi dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile. Ci siamo chiesti se abbia veramente senso vivere questa Festa con frenesia, senza badare alle conseguenze delle nostre scelte. Noi crediamo che sia possibile trascorrere un Natale a basso impatto ambientale, basta fare attenzione alle proprie scelte e adottare uno stile di vita sostenibile ed equilibrato che sappia dare i suoi frutti anche dal punto di vista economico e sociale, oltre che da quello ambientale. E, probabilmente, anche più in linea con lo spirito originario della Festa”. È quanto ha affermato Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc (Associazione Difesa Orientamento Consumatori) che ha lanciato la campagna #NataleSostenibile.

Dall’albero alle decorazioni, dai regali alla tavola: l’associazione ha diffuso alcuni consigli per evitare gli sprechi e trascorrere le Feste in modo consapevole e sostenibile.

In particolare, per quanto riguarda il cibo, Adoc raccomanda di scegliere prodotti locali e di stagione per la tavola, evitare la frutta esotica (decisamente poco sostenibile perché proviene dall’altra parte del mondo) e fare una spesa consapevole, con un’attenta pianificazione del menu delle feste, in modo che si spenda il giusto e si compri quello che occorre davvero. “Basti pensare – evidenza Adoc – che il 32% delle volte si spreca a causa di un eccesso di acquisto generico”. Bisogna evitare di comprare prodotti che non servono e stare alla larga dalle offerte promozionali illusorie che finiscono per far acquistare e spendere più del necessario. “Il 26% dello spreco deriva dall’acquisto di prodotti in offerta speciale”, aggiunge l’Adoc.

Un altro consiglio dell’associazione è quello di rispettare la stagionalità degli alimenti, perché i prodotti fuori stagione costano di più. “Se il menù è a base di pesce – spiega l’Adoc – escludete specie a rischio di estinzione come i datteri di mare, le aragoste e il caviale, ricavato da alcune specie di storioni già commercialmente estinte in diverse aree del pianeta; se non potete farne a meno è fondamentale scegliere un caviale certificato o da acquacoltura. Cercate sempre e comunque di variare il consumo, acquistando pesce azzurro e locale, preferendo le specie che riportano il marchio di certificazione MSC (Marine Stewardship Council) e ASC (Aquaculture Stewardship Council), le etichette che certificano rispettivamente pesce pescato e allevato secondo criteri di sostenibilità”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su