‘Sindrome del panettone’ in agguato? I consigli per un Natale in salute

Il Natale è ormai alle porte e con la festività più attesa dell’anno sono in arrivo anche cenoni, grandi abbuffate, viaggi e shopping sfrenato. A fare le spese del carosello natalizio non sarà però soltanto il portafogli ma, secondo gli esperti, anche il nostro intestino. Sebbene gli esperti parlino di ‘sindrome del panettone’, non tutti i problemi sono legati agli stravizi alimentari: anche le interminabili code per l’acquisto dei regali, i viaggi all’estero e le possibili conseguenze di infezioni virali stagionali possono contribuire a ‘stressare’ l’intestino.

Ecco quindi i consigli degli esperti:

1) Godersi le vacanze con tranquillità e lentezza, evitando lo stress da regalo o da cenone o da viaggio a tutti i costi.

2) Gustare le pietanze con calma e masticando bene. La prima fase della digestione, infatti, avviene in bocca. Concedere al proprio intestino una piccola pausa tra una portata e l’altra (dieci-quindici minuti)

3) Limitare le porzioni di panettoni, torte, cotechino, capitone, insaccati e formaggi stagionati: i dolci (specie quelli con panna e creme) e tutti i cibi ricchi di grassi richiedono più tempo per essere digeriti.

4) Evitare le sigarette tra una portata e l’altra o a fine pasto: il fumo rilassa i muscoli della valvola posizionata tra stomaco ed esofago, facilitando così il reflusso e la risalita di cibo e acidi.

5) Non assumere troppi caffè o altre bevande ricche in caffeina (thè, cole o altre bibite specifiche) : la caffeina aumenta la secrezione di acido nello stomaco e mette a rischio la motilità e l’equilibrio intestinale.

6) Non eccedere con aperitivi, amari e superalcolici o spumanti : l’alcol, infatti, facilita la risalita dei succhi gastrici all’esofago e può anche favorire l’irritazione intestinale.

7) Dopo i cenoni o i pasti troppo ricchi, in caso di fastidio intestinale, è consigliabile assumere fermenti lattici probiotici per il riequilibrio della flora: Lattoferrina e Zinco inoltre sostengono le difese immunitarie.

8) Favorire l’attività fisica, anche solo mediante belle e lunghe passeggiate.

9) In caso di influenza e di complicanze batteriche che richiedono l’utilizzo di antibiotici, è utile assumere fermenti lattici probiotici per salvaguardare il benessere della flora intestinale.

10) Chi va in vacanza in luoghi esotici non deve assumere cibi crudi e acqua da bottiglie non sigillate, deve mettere in valigia e assumere abitualmente un integratore di fermenti lattici per favorire il riequilibrio della flora intestinale.

Come spiega Attilio Giacosa, Direttore Scientifico del Dipartimento di Gastroenterologia del Gruppo Sanitario Policlinico di Monza, “il cattivo funzionamento dell’intestino è un disturbo fastidioso che rischia di rovinare e mettere a repentaglio le tanto attese vacanze natalizie, ma nella maggior parte dei casi basta un po’ di attenzione per salvare intestino, salute e vacanze”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su