Roma, donna muore dopo iniezione liquido risonanza magnetica

Una donna di 53 anni è morta lo scorso 11 aprile al policlinico Umberto I di Roma dopo l’iniezione del liquido di contrasto iniettato per la risonanza magnetica. A far luce sul decesso saranno i risultati dell’autopsia che è stata disposta dalla procura di Roma che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo in seguito alla denuncia del marito.

Secondo quanto raccontato dal marito, la donna era allergica al liquido che le è stato iniettato. Ora le indagini dovranno chiarire se e quali responsabilità hanno i medici.

Avendo visitato molte volte la donna prima della scorsa settimana, il personale medico era a conoscenza dell’intolleranza della signora al liquido era conosciuta dal personale medico che aveva visitato diverse volte la donna prima della scorsa settimana. Bisognerà verificare se in quest’ultima occasione siano state adoperate le stesse procedure adottate nelle precedenti circostanze. In particolare il pubblico ministero  intende accertare se il farmaco somministrato alla donna, sofferente di problemi al pancreas, abbia avuto un dosaggio diverso rispetto al passato, finendo per provocare effetti mortali.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su