Mozzarelle blu, nuovo caso a Genova

Nella mensa di una scuola elementare di Genova le maestre hanno bloccato la distribuzione ai bambini di alcune mozzarelle dopo essersi accorte che i latticini avevano assunto una colorazione tendente al blu.

“Le insegnanti – riporta Il Secolo XIX sulle pagine della cronaca locale – hanno bloccato il pranzo, dando via ai controlli. Per la Commissione mense del comune si tratta di un lievito, o di una muffa, non dannosa per la salute, ma si aspettano comunque le analisi dell’Asl”.
In merito al rinvenimento delle mozzarelle diventate blu l’assessore alle Politiche abitative e ai servizi formativi del Comune di Genova, Paolo Veardo ha affermato: “i bocconcini di mozzarella che, tolti dalla confezione, sono diventati blu, sono stati inviati alla Asl 3 Genovese per le analisi. Attendiamo i risultati entro la fine della settimana”.

“A Genova il Comune serve 26 mila pasti al giorno e può succedere che talvolta si verifichino delle anomalie –  ha proseguito Veardo – in questi casi scatta una procedura di verifica. Le mozzarelle sono state immediatamente messe in una busta sigillata e inviate alla Asl e naturalmente non sono state date ai bambini”.

Nel dicembre scorso altre mozzarelle blu furono trovate in una mensa genovese: “in quel caso fu appurato che il problema era stato determinato da un tipo di lievito non nocivo per la salute – conclude Veardo – dunque attendiamo l’esito delle analisi”.

Quello della scuola elementare rappresenta a Genova il quinto caso di ‘mozzarelle blu’.

In Italia il primo caso si è registrato nel giugno del 2009 e le indagini furono coordinate dalla procura di Torino (pm Raffaele Guariniello). I prodotti adulterati provenivano dalla Germania e, come emerso dalle analisi, sono risultati positivi a contaminazioni di batteri, tra i quali lo pseudomonas fluorensces, responsabile della colorazione blu delle mozzarelle.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su