Un milione e mezzo di bambini esposti a sostanze tossiche

Circa un milione e mezzo di bambini sono esposti a sostanze potenzialmente tossiche, come emerge dagli ultimi dati americani del 2017 e come sottolinea Nicola Pirozzi, direttore del dipartimento di emergenza, anestesia e rianimazione, dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma all’agenzia Dire a margine del corso di aggiornamento ‘Tossicologia in Pediatria’.

L’incidenza di sostanze tossiche in pediatria “si stima tra il 50 e il 55% rispetto al totale, e ha una sua specificità in ambito pediatrico perché nella maggior parte dei casi è accidentale o domestica”, aggiunge Marco Marano, responsabile del centro antiveleni del dipartimento di emergenza del Bambino Gesù di Roma.

Le cause di intossicazione tra i più piccoli sono diverse: secondo la casistica soltanto il 30% delle situazioni sono dovute ai farmaci. Seguono poi caustici, cosmetici, prodotti come i detersivi, le sostanze d’abuso e le piante che possono essere velenose. In particolare nei giardini serve attenzione all’oleadro.

“Fino a tre anni – specifica Pirozzi –  lo sviluppo del bambino prevede che conosca il mondo portando tutto alla bocca e da qui nascono diversi rischi di inalazione di corpi estranei, detersivi e anche foglie pericolose”.

I momenti più a rischio sembrano essere “quelli in cui il livello di attenzione si abbassa, la prima mattina, il ritorno dal lavoro o le fasce del weekend, in cui ci si dedica alla gestione della casa o al riposo. Parallelamente aumenta la possibile esposizione a sostanze tossiche”, ha spiegato Pirozzi.

La grande criticità, spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi, è che “i bambini fanno cose che non ci si aspetta e poi non hanno la capacità di comunicare il sintomo. Prendono alimenti o ingeriscono sostanze che possono nuocere pensando che sia un gioco”. D’altra parte “i genitori vanno subito in ansia e non sanno come agire. Per questo diffondere la cultura della prevenzione tra i cittadini e fare formazione ai medici è fondamentale”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su