Microplastiche nelle acque: a rischio anche la salute dell’uomo?

Oltre ad inquinare le acque e a minacciare gli animali che popolano il mare, le microplastiche possono danneggiare anche l’uomo. A lanciare l’allarme è Frank Kelly, professore del King College di Londra, secondo cui queste particelle minuscole potrebbero finire nell’aria e quindi essere inalate dall’uomo con conseguenze ancora sconosciute sulla nostra salute.

“Se le respiriamo – ha spiegato il docente – possono potenzialmente portare sostanze chimiche nelle parti inferiori dei nostri polmoni, e forse anche in tutta la nostra circolazione, allo stesso modo in cui ci preoccupiamo di tutte le emissioni legate ai veicoli”.

Si tratta di un problema urgente considerando che le microplastiche sono in continuo aumento. Ogni anno, infatti, oltre 10 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno negli oceani e si scompongono in miliardi di frammenti  che provocano danni agli oceani e agli animali marini.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su