Medicinali a base di cannabis, il sì dell’Italia

Dopo il via libera delle regioni Marche e Toscana e della Repubblica Ceca, l’Italia apre all’utilizzo dei farmaci a base di cannabinoidi.
Il Ministero della Salute ha infatti emanato un decreto (decreto ministeriale del 23 gennaio 2013 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’8 febbraio) che inserisce nella Tabella II, sezione B, i medicinali di origine vegetale a base di cannabis (sostanze e preparazioni vegetali, inclusi estratti e tinture). Il decreto è entrato in vigore il 23 febbraio.

“Tale decreto elimina ogni dubbio in merito alla possibilità di utilizzare in terapia, non solo il delta-9-tetraidrocannabinolo o THC, ma anche i prodotti vegetali che lo contengono – ha spiegato la Sifo, Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie – L’atto si è reso necessario in quanto erano stati sollevati dubbi nella legittimazione dell’uso delle infiorescenze di cannabis nelle preparazioni magistrali.

Pertanto ricordiamo ancora una volta che le preparazioni magistrali contenenti Cannabis sono allestibili dietro presentazione di ricetta non ripetibile; la materia prima deve essere acquistata mediante l’utilizzo del buono-acquisto e trascritta sul registro di entrata e uscita degli stupefacenti e delle sostanze psicotrope, così come le eventuali preparazioni. Le infiorescenze di cannabis sono presenti in commercio con titolo in THC differente; per ogni titolo deve essere intestata una pagina del registro diversa”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su