Residui dei medicinali nell’ambiente: l’Ue lancia un bando per valutare i rischi

Grazie al Secondo programma d’azione comunitaria nel settore della sanità, previsto per il quinquennio 2008–2013, l’Unione europea ha lanciato un bando di gara d’appalto (con un budget di 200 mila euro) per valutare i rischi provocati dalla produzione farmaceutica sulla salute umana, tramite la contaminazione di aria, suolo e acqua. Le sostanze chimiche rilasciate dalle case farmaceutiche vanno infatti a finire nell’acqua, nell’aria e sul suolo, contagiando inevitabilmente anche l’uomo.

Nello specifico, gli obiettivi del bando sono i seguenti: valutare la portata e le tendenze del problema dell’inquinamento dell’ambiente (acque, terreni, sedimenti) causato dai prodotti farmaceutici e dai relativi residui nonché il relativo impatto sull’ambiente e sulla salute pubblica; identificare le lacune nei dati ed indicare come migliorare la situazione; identificare le cause del problema, includendo ma non limitandosi a tutto ciò che è connesso al contenuto e alla realizzazione del passato e presente quadro giuridico relativo ai prodotti medicinali (medicine sia per uso umano che veterinario) o qualsiasi altra legislazione pertinente; identificare le possibili misure (legislative e non) per affrontare il problema e la loro efficacia potenziale.

I soggetti interessati hanno tempo fino al 10 ottobre prossimo per presentare le candidature.
La documentazione utile per la presentazione di un progetto è disponibile nel sito ufficiale della Commissione europea http://ec.europa.eu/eahc/.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su