No allo spreco di farmaci e tac inutili: verso una medicina ‘green’

No allo spreco di farmaci e tac solo se necessarie al fine di garantire una sanità più equa e sostenibile a livello economico e ambientale. È ‘green’ la nuova filosofia al centro del XVI convegno nazionale “L’oncologia che verrà” del Cipomo (Collegio italiano dei primari oncologi medici ospedalieri) che si terrà dal 17 al 19 maggio a Cosenza.

“Su tutte la lotta allo spreco di farmacispiega il presidente di Cipomo, l’oncologo Roberto Labianca – ma anche l’impegno a limitare le Tac e le Pet inutili, che sono responsabili di una buona dose di emissioni di Co2”.

“In Italia si fanno 40 milioni di Tac: troppe – ha sottolineato il responsabile organizzativo Congresso, Salvatore Palazzo – E’ come se 2 italiani su 3 ne facessero una all’anno. Ogni esame inutile è un danno per il paziente che viene sottoposto a radiazioni inutili, per le casse del Servizio Sanitario Nazionale, ma anche per l’ambiente”.

Tra le altre strategie da adottare per una medicina più sostenibile si è pensato anche ad un’estensione della domiciliarizzazione delle cure e alla creazione di un ambulatorio ‘verde’ che preveda l’uso oculato delle risorse, laddove possibile riciclo e riuso delle materie post-consumo (carta,ecc.) compatibilmente con le esigenze igieniche e di profilassi del paziente, impiego di detersivi non tossici e non inquinanti per la pulizia dei locali, ecc.

“Il nostro impegno – afferma Roberto Labianca, presidente del Cipomo – è quello di far sempre più emergere una responsabilità dell’oncologo che deve trovare il miglior equilibrio tra appropriatezza delle cure e completa sostenibilità delle stesse”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su