Medici genovesi finanziati dalle case farmaceutiche: indaga la Corte dei Conti

La Corte dei Conti della Liguria ha aperto un’indagine sui finanziamenti delle case farmaceutiche ai medici genovesi. La decisione di vederci chiaro parte dalla denuncia del Codacons che ha segnalato all’Anac  i 611 medici della città che tra il 2015 e il 2017 hanno percepito 14,9 milioni di euro dalle aziende del farmaco. La Corte dei Conti ha dunque chiesto al Codacons copia dell’elenco redatto dall’associazione.

“Finalmente qualcosa si muove e la Corte dei Conti della Liguria fa da apripista decidendo di acquisire la documentazione relativa ai medici e di fare chiarezza sui finanziamenti percepiti dai camici bianchi – commenta il Codacons – Si tratta di un passo importante perché aiuterà a capire se i sussidi erogati da big pharma influiscano in qualche modo sui medici e sul loro operato, specie sul fronte delle prescrizioni dei farmaci. Proprio sulle prescrizioni l’associazione ha chiesto nei giorni scorsi alle Asl territorialmente competenti di svolgere le opportune verifiche”.

Il Codacons ricorda che tutti i cittadini possono scaricare l’elenco dei medici della Liguria a questa pagina

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su