Chi sono i medici in conflitto di interesse? Corvelva pubblica i dati di tutte le province venete

Tutto ha avuto origine dai vari scandali legati alla corruzione in campo sanitario, nel nostro Paese e nel mondo. “Sapendo di avere a disposizione i dati Efpia, si è deciso di spulciare e andare a verificare quanti fossero gli emolumenti dichiarati, quali le cifre, a chi destinate e per cosa”. Così Nassim Langrudi, portavoce di Corvelva, associazione che guida in Veneto la battaglia per il diritto di scelta terapeutica, spiega come è nata l’idea di avviare un’indagine sui medici che hanno ricevuto fondi dalle case farmaceutiche.

L’associazione Corvelva ha raccolto i dati della Regione che sono stati raffinati partendo da quelli raccolti dal Codacons e da quelli divulgati dalla stessa industria farmaceutica attraverso il “Codice sulla Trasparenza della Federazione europea delle Associazioni e delle Industrie farmaceutiche” (EPFIA). “Abbiato stilato – spiega Corvelva – una lista divisa per provincia, di ogni medico, società, ente e associazione veneta che ha preso soldi dalle industrie”.

L’associazione sottolinea che non è illegale percepire fondi dalle case farmaceutiche ma pone l’interrogativo su quanto il conflitto di interessi possa influire in ogni ambito della medicina, dalle cure alla formazione, dall’integrità della ricerca alla formulazione delle linee guida, dai sistemi regolatori per l’approvazione dei farmaci all’impostazione dei trial clinici, dal ruolo delle società scientifiche e, nello specifico, sulle prescrizioni di farmaci.

“Ciò che sarà interessante verificare – afferma Nassim Langrudi – è se vi sia o meno una relazione diretta tra emolumenti ricevuti a vario titolo e numero di prescrizioni effettuate dal professionista. Su questo stiamo andando a lavorare con una richiesta di verifica direttamente alla Corte dei conti”.

“Appare evidente – aggiunge – come i rapporti tra case farmaceutiche e medici, università, società mediche, associazioni di medici ecc. siano in tutto e per tutto dettati da meccanismi tipici del settore privato e regolati quindi da logiche differenti rispetto alla tutela del paziente/consumatore. Ora, poi, la pubblicità dei farmaci rivolta al consumatore, è stata estesa ancor di più anche tramite i mass media e questo, unitamente all’opportunità dei privati – quali sono le case farmaceutiche – di promuovere con meccanismi tipici del libero mercato questo prodotto piuttosto di un altro rivolgendosi alla classe medica, può costituire ovviamente un fattore di rischio nei momento in cui il focus si sposta dall’attenzione alla salute verso l’attenzione al profitto”.

Ecco la lista dei medici delle province di:

Rovigo

Venezia

Treviso

Belluno

Vicenza

Padova

Verona

Fonte: Schio&thiene news del 1 giungo 2019 e Corvelva

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su