“La medicalizzazione di massa è una catastrofe iatrogena”

Nell’arco degli ultimi 20 anni si è assistito ad un aumento vertiginoso della prescrizione di farmaci di ogni genere: 4 volte in più nel campo del diabete, 7 volte in più in quello dell’ipertensione arteriosa, fino al record di 20 volte tanto nel caso delle dislipidemie, conseguente all’introduzione delle statine”, senza che a questo abbia corrisposto nessun beneficio clinico dimostrabile.

Al contrario, come conseguenza dell’uso massiccio di farmaci (in particolare negli over 65 di cui molti assumono quotidianamente 5 o più farmaci)  gli accessi al pronto soccorso per reazioni indesiderate a farmaci sono aumentati in Gran Bretagna di oltre 30 mila l’anno (+ 75%), mentre in parallelo è andata calando l’aspettativa di vita (un eccesso di 600 morti in più a settimana).

È quanto denuncia in James Le Fanu, medico di famiglia in pensione, in un articolo pubblicato sul British Medical Journal. “La medicalizzazione di massa è una catastrofe iatrogena”: questo il titolo dell’articolo che denuncia l’epidemia silenziosa di effetti indesiderati provocata dall’uso eccessivo di farmaci.

Come uscire da questa situazione? Secondo l’autore è necessario puntare su una prevenzione basata sulla correzione degli stili di vita piuttosto che sulla prevenzione farmacologica, approccio che ha ha avuto come conseguenze la medicalizzazione di massa, a fronte di benefici spesso inesistenti per la maggior parte dei “consumatori seriali” di farmaci.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su