Maltempo: nove vittime in Liguria e Toscana

È salito a 9 il bilancio delle vittime dell’ondata di maltempo che ha colpito ieri la Liguria e la Toscana, provocando anche pesanti disagi alla circolazione che rendono difficili i soccorsi. In particolare, secondo quanto afferma la Protezione Civile, nello Spezzino, le persone decedute sono sette, sei a Borghetto vara e una a Monterosso mentre in provincia di Massa Carrara, ad Aulla, le vittime sono due. Sei sarebbero invece i dispersi.

Lo hanno riferito fonti della Protezione civile che ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse per la giornata di oggi, sottolineando che la perturbazione “persisterà in particolare in Veneto e Friuli, estendendosi nella giornata di domani alle regioni centro-meridionali”.

Pioggia a dirotto e frane ovunque. In Liguria e Toscana, tra le zone più colpite dal maltempo ci sono i comuni della provincia di La Spezia di Ameglia, Beverino, Borghetto Vara, Brugnato, Calice al Carnoviglio, Monterosso, Pignone, Riccò del Golfo, Sesto Godano e Vernazze e quelli dell’alta Lunigiana in provincia di Massa Carrara.

In Liguria il 98 per cento dei comuni è a rischio frana o alluvioni. È quanto riferisce la Coldiretti in riferimento agli effetti provocati dal maltempo che ha colpito pesantemente la regione dove i comuni minacciati in una o più parti del loro territorio da frane o alluvioni sono 232 e centomila persone vivono in “zone rosse”. La situazione non è meno grave in Toscana dove sono ben 280 i comuni a rischio frane o alluvioni, ossia il 98 per cento del totale.

L’area interessata dal maltempo è quindi più fragile rispetto alla media nazionale in Italia dove comunque, ha precisato la Coldiretti, ci sono 5.581 comuni, il 70 per cento del totale, a rischio idrogeologico, dei quali 1.700 sono a rischio frana e 1.285 a rischio di alluvione, mentre 2.596 sono a rischio per entrambe le calamità.

Negli ultimi cinquant’anni il bilancio dei morti in frane e alluvioni in Italia è pesantissimo: più di quattromila persone. L’istituto di ricerca e protezione idrogeologica (Irpi) del Cnr ha elaborato il bollettino delle vittime di frane e alluvioni nel corso degli ultimi 50 anni: dal 1960 al 2010 le frane hanno ucciso oltre 3400 persone, mentre le alluvioni hanno spazzato via 715 vite. Nel conteggio rientrano anche le vittime del Vajont.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su