Malattie del fegato in aumento tra i giovani. Alcol, il ‘big killer’

Aumenta il numero di giovani con danni al fegato, a partire dal cosiddetto ‘fegato grasso’ (steatosi epatica) che predispone all’insorgenza di patologie gravi come la cirrosi e anche il cancro. L’allarme è stato lanciato dal 63/mo Congresso mondiale dell’Associazione americana per lo studio delle malattie del fegato, in corso a Boston con 8.500 esperti da vari Paesi.

Sotto accusa  vi sono gli stili di vita: cattiva alimentazione, scarso movimento e oprattutto l’abuso di alcol. Particolarmente pericoloso è considerato il cosiddetto  binge-drinking, ovvero la pratica di consumare diverse bevande alcoliche in quantità in un breve arco di tempo. Il fenomeno del Binge-Drinking in Italia riguarda almeno 4 milioni di giovani, secondo una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità, e in particolare sono 1,3 milioni i ragazzi tra gli 11 e i 25 anni che bevono in modo occasionale, ma a rischio per la salute.  L’alcol è infatti una sostanza fortemente tossica per il fegato.

Come spiega Antonio Gasbarrini, gastroenterologo del Policlinico Gemelli di Roma e presidente della Fondazione italiana ricerca in epatologia (Fire),  non dovrebbero mai essere superati i limiti consigliati: 20 grammi giornalieri nell’uomo, pari ad un bicchiere e mezzo di vino, e 15 grammi, cioè un solo bicchiere, nella donna. Gli epatologi sottolineano però che tali limiti sono validi eclusivamente per i soggetti sani e solo se l’alcol viene consumato durante i pasti.

“Oggi si registra tra i giovani un uso spropositato di alcol lontano dai pasti – spiega l’esperto – e il più delle volte concentrato durante i week-end nelle cosiddette ‘abbuffate alcoliche’, più noto tra i giovani come ‘binge-drinking’. Ma in questo modo il fegato è sottoposto a un danneggiamento costante e prolungato”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su