Malasanità: la maglia nera spetta alla Calabria

In quasi due anni e mezzo (da aprile 2009 a settembre 2011) sono stati 470 i presunti casi di malasanità giunti all’esame della Commissione d’inchiesta sugli Errori sanitari. Si tratta di casi denunciati alla Commissione tramite esposto o arrivati alla pubblica attenzione tramite articoli di stampa.

Il record spetta a Calabria, Sicilia e Lazio, le regioni in cui si segnalano oltre la metà dei casi, ovvero 239: 97 in Calabria, tra presunti errori e altre criticità, 91 in Sicilia e 51 nel Lazio. Anche sul fronte dei decessi la maglia nera spetta alla Calabria con 78 morti, seguita dalla Sicilia con 66 decessi e il Lazio con 35.  La maggior parte dei casi sospetti è imputabile al medico o alla struttura ospedaliera.

“Spesso i casi di malpractice potevano e potrebbero essere evitati, qualora gli operatori provvedessero o avessero provveduto a denunciare spontaneamente anomalie e disfunzioni”, ha spiegato Leoluca Orlando, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario, che traccia un bilancio positivo sui lavori del gruppo da lui guidato: “A due anni dall’effettivo inizio della sua attività di inchiesta, possiamo tracciare un bilancio molto positivo degli effetti prodotti dalla Commissione.

In primo luogo la nascita e la crescita della consapevolezza che la tutela della salute, prevista dall’articolo 32 della Costituzione, sia un diritto per i cittadini ma anche un dovere per gli operatori sanitari, da noi continuamente invitati a rivendicare l’esigenza di essere posti nelle migliori condizioni di operare”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su