Mal di viaggio: come superarlo?

Il mal di viaggio è un disturbo molto più comune di quanto si creda. Secondo uno studio recente pubblicato dal British Medical Journal, il mal d’auto ad esempio colpisce fino a quattro persone su dieci, il mal d’aria e il mal di mare dal 25 al 30 per cento della popolazione.

Sebbene si tratti di disturbi tutt’altro che rari, i ricercatori ammettono di non saper definire ancora con esattezza le cause del fastidioso mal di viaggio.

La teoria più accreditata è quella secondo cui tale disturbo sarebbe determinato da una discrepanza fra le informazioni sensoriali in arrivo nel cervello, nello specifico fra gli stimoli visivi e quelli provenienti dal sistema vestibolare, la parte dell’orecchio interno che ci informa sulla nostra posizione nello spazio. La nausea da movimento ha anche una componente ereditaria: dal 55 al 70 per cento di chi ne soffre ha un parente stretto con lo stesso problema.

Sonnolenza, spossatezza, nausea e talvolta anche il vomito. Esiste un modo per affrontare i sintomi del mal di viaggio? Viaggiando in auto o autobus il rischio di malessere può essere ridotto guardando in avanti e avendo un ampio campo visivo esterno (meglio quindi una macchina con i finestrini ampi, o almeno sedersi sul sedile anteriore). Utile può essere poi guardare l’orizzonte, soprattutto quando si viaggia per mare, o sdraiarsi.

Inoltre, ascoltare musica o respirare profondamente e regolarmente fa sopportare un po’ più a lungo il movimento in auto, aereo o nave: in media si resiste senza nausea per il 10 per cento del tempo in più.

Per quanto riguarda i farmaci, il consiglio dei ricercatori è quello di non esagerare: tutti i medicinali possono avere infatti effetti collaterali che vanno dalla sonnolenza alla visione offuscata, dalla secchezza di bocca e naso all’irrequietezza. Quando possibile, dunque, è sempre meglio farne a meno.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su