Un terzo della popolazione mondiale ha bassi livelli di vitamina D

Più di un terzo della popolazione di tutto il mondo ha bassi livelli di vitamina D. È quanto emerge da un nuovo studio pubblicato sul British Journal of Nutrition che ha analizzato quasi duecento ricerche sul tema promosse in quarantaquattro paesi. I valori più elevati di vitamina D sono stati rilevati in Nord America rispetto all’Europa e al Medio Oriente.

L’indagine e’ stata condotta da Kristina Hoffmann del Mannheim Institute of Public Health (MIPH). Bassi livelli di vitamina D hanno un potenziale impatto negativo sulla salute, in particolare sul benessere di ossa e muscoli. Nei bambini il deficit causa rachitismo mentre negli adulti è associato ad osteomalacia, osteopenia, osteoporosi e rischio maggiore di fratture.

La vitamina D, tuttavia, non soltanto fa bene alle ossa ma è utile nella prevenzione di numerose malattie: dalle patologie infettive e autoimmuni ai disturbi cardiovascolari e al cancro, come emerso da uno studio della Boston University, il primo a dimostrare che livelli maggiori di vitamina D nel sangue non esercitano un impatto positivo soltanto sul sistema scheletrico.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su