Stop alla liberalizzazione dei farmaci di fascia C: ‘il Governo si arrende alla lobby delle farmacie’

“Il Governo sulle liberalizzazioni rimedia una secca battuta di arresto e si arrende alla lobby delle farmacie”. Questo il commento delle parafarmacie italiane (Anpi, Mnlf e Forum) all’emendamento che ha modificato l’articolo 32 della manovra, frenando così la liberalizzazione dei medicinali di fascia C.

In base all’emendamento votato qualche giorno fa in Commissione alla Camera, i medicinali con ricetta, anche di fascia C, potranno infatti essere venduti soltanto in farmacia, a differenza di quanto previsto nella prima versione del decreto che ne autorizzava la commercializzazione anche nelle parafarmacie e nei punti vendita dei supermercati.

E in seguito all’ennesimo rinvio della liberalizzazione del settore, Donatella Marchesini, titolare di una parafarmacia di Messina, ha deciso di attuare lo sciopero della fame.

Il digiuno della donna è un segno di protesta “contro la mancata liberalizzazione ad opera delle lobbies Federfarma, la casta dei titolari di Farmacia) e Fofi, che dovrebbe tutelare gli interessi di tutti i farmacisti ma invero tutela solo i titolari di Farmacia, che sono 18 mila, con grave nocumento per tutti gli iscritti all’Ordine dei Farmacisti, 70.000”, scrive Marchesini.

“Basta con le lobbies, basta interessi di bottega! I cittadini devono essere liberi di rivolgersi al farmacista che più aggrada!”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su