Lavoro sedentario: raddoppia il rischio di tumore al colon

Fare un lavoro ‘da ufficio‘, e quindi sedentario, per più di dieci anni, raddoppia il rischio di sviluppare un tumore al colon. Nello stesso rischio incorrono anche coloro che, abbandonato l’ufficio, svolgono un regolare esercizio fisico.

A rivelarlo è una ricerca  pubblicata dall’American Journal of Epidemiology che ha confrontato 918 persone con un tumore particolare al basso intestino, quello del ‘colon distale’, con 1.021 soggetti sani. Dalla ricerca è emerso che per coloro che svolgevano un lavoro sedentario il rischio del cancro al colon distale aumentava del 94 per cento, mentre quello di tumore al retto del 44.

“Anche una frequente attivita’ fisica ricreazionale non modifica gli effetti del lavoro sedentario – spiegano gli autori – lo stare seduti per molte ore provoca un aumento degli zuccheri nel sangue e danneggia la produzione di insulina, entrambi fattori che possono favorire il tumore”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su