Lavoro minorile: nel mondo 215 milioni di bambini lavoratori

Nel mondo sono 215 milioni i bambini lavoratori, di cui 115 milioni sono coinvolti in mansioni pericolose. Lo ha ricordato oggi l’Unicef, in occasione della Giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile.

“Il 40% dei disoccupati in tutto il mondo sono giovani, un dato che non può essere separato dai 215 milioni di bambini coinvolti nel lavoro minorile – ha spiegato Joanne Dunn dell’Unicef – oggi giovani disoccupati o impiegati in modo inadeguato sono in genere bambini lavoratori, la cui educazione, salute e benessere sono stati compromessi in modo permanente. Il lavoro minorile crea svantaggi ai lavoratori per tutta la vita e rafforza cicli intergenerazionali di povertà, discriminazione e iniquità… se non riusciremo a sconfiggere il lavoro minorile, non riusciremo a sostenere il diritto umano dei bambini alla protezione e a un futuro migliore”.

Oggi a Firenze è stato firmato un protocollo d’intesa tra Unicef Italia e il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Toscana con l’obiettivo di promuovere e realizzare attività d’informazione, diffusione e studio della Convenzione sui diritti dell’infanzia; favorire la partecipazione autentica e strutturata delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi alle attività promosse; favorire lo scambio reciproco d’informazioni e buone prassi sulle politiche e i progetti dedicati all’attuazione dei diritti dei minorenni sul territorio; promuovere iniziative per il benessere dei bambini/e, con particolare attenzione al diritto alla salute, soprattutto per i più marginalizzati.

“Il protocollo d’intesa tra l’Unicef e il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Toscana rappresenta una tappa importante per i diritti dei bambini e degli adolescenti e viene firmato simbolicamente oggi, Giornata mondiale contro il lavoro minorile – ha ricordato il presidente dell’Unicef, Giacomo Guerrera -. Lo sfruttamento dei minori sul lavoro, in particolare quelli coinvolti nelle peggiori forme, rappresenta una piaga che insieme dobbiamo combattere affinche’ ad ogni bambino venga assicurato il diritto alla crescita e al proprio sviluppo”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su