Latte artificiale: nuova inchiesta per prescrizioni indebite

Dopo il caso della Toscana, anche l’Abruzzo apre un’inchiesta sulle prescrizioni indebite di sostituti del latte materno. Una richiesta di rinvio a giudizio è arrivata infatti per un gruppo di pediatri abruzzesi e per i dipendenti dell’industria del latte artificiale che li avrebbero corrotti. Sono 12 i medici indagati, assieme a 7 informatori.

Dalle vacanze pagate ai cellulari e tablets di ultima generazione: questi i regali che sarebbero stati fatti ai medici in cambio di prescrizioni di latte artificiale e di preparati vitaminici per i neonati. Una ditta avrebbe elargito anche 10.000 euro a un ex-primario in cambio di 500 copie di un suo libro e altri 28.000 euro per un secondo libro e per tre convegni di neonatologia.

Dalle carte della Procura anche altri “regali”, definiti dalla pubblica accusa come vere e proprie tangenti.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su