Ipertensione, tra le cause la carenza di vitamina D

Tra le cause dell’ipertensione vi è una carenza di vitamina D. E’ quanto emerge da uno studio genetico condotto su larga scala e presentato alla Conferenza annuale della European Society of Human Genetics che si è tenuta a Parigi dall’8 all’11 giugno. La ricerca è stata condotta – e poi presentata – dal dottor Vimal Karani S. e colleghi dell’Institute of Child Health, presso l’University College di Londra.

I ricercatori hanno acquisto e analizzato i dati forniti dal D-CarDia collaboration (nota per gli studi epidemiologici), e basati su 35 studi con il coinvolgimento di oltre 155.000 persone e numerosi centri in Europa e Nord America.

Le informazioni raccolte hanno mostrato che coloro che presentavano alte concentrazioni di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D) avevano una bassa pressione sanguigna e, pertanto, un ridotto rischio di ipertensione.

Principali fonti di vitamina D sono da una parte gli alimenti che la contengono (per esempio, l’olio di fegato di merluzzo, il pesce azzurro e il salmone, il burro e le uova), dall’altra un’esposizione regolare e adeguata alla luce del sole.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su