Usa: insetti resistenti a mais ogm

Negli Stati Uniti si stanno rivelando inefficaci le piante geneticamente modificate per resistere all’attacco della diabrotica, un insetto predatore che colpisce in modo particolare il mais. A lanciare l’allarme sono stati ventidue entomologi, autori di una lettera indirizzata all’Agenzia per la protezione ambientale (EPA) sulla base di testimonianze e controlli effettuati in Illinois, Iowa, Minnesota, Nebraska and Sud Dakota.

La preoccupazione degli entomologi, coordinati da Joseph Spencer, professore all’Università dell’Illinois, riguarda i possibili danni al sistema di produzione agricola di ampie aree, basato sulla monocoltura del mais destinato sia all’industria mangimistica che a quella di trasformazione in bioetanolo.

Il problema riguarda un tipo di mais transgenico, il MON 88017, che esprime la proteina Cry3Bb1, sviluppato da Monsanto e autorizzato per la coltivazione nel 2003.

Alcuni ricercatori dello Iowa State University dallo scorso anno avevano documentato la presenza nei campi di una vasta popolazione di insetti (il 50% circa), diventati resistenti alla proteina Cry3Bb1espressa da alcuni ibridi di mais Bt, e avevano segnalato la necessità di rivedere le linee guida per la gestione delle coltivazioni transgeniche, in particolare la distanza di separazione tra i campi coltivati con il mais OGM e quelli convenzionali.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su