Inquinamento: le polveri sottili uccideranno sempre di più

Entro il 2050 l’inquinamento dell’aria diventerà la principale causa ambientale di morti precoci. A lanciare l’allarme è l’Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD) secondo cui i casi mortali potrebbero salire a 3,6 milioni di persone all’anno, con una elevata concentrazione in Cina e India.

Secondo l’OECD l’aumento del tasso di mortalità sarà determinato alla crescita della produzione economica, alla quale corrisponderà una crescita dell’80% del consumo di energia. In assenza di una rivoluzione energetica, l’85% dell’energia continuerà ad essere prodotta mediante combustibili fossili.

Particolarmente inquinante è il carbone:  anche le centrali a carbone più moderne, permettono di abbattere soltanto una parte delle sostanze inquinanti emesse dall’impianto.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su