Inquinamento e tumori: in Cina oltre 400 ‘villaggi del cancro’

In Cina vi sono oltre 400 “villaggi del cancro”. Il ministero dell’Ambiente cinese non soltanto ha ammesso l’esistenza di località dove il livello di inquinamento è tale che il numero delle persone colpite da tumore ha raggiunto livelli allarmanti ma ne ha diffuso un elenco che comprende oltre 400 villaggi. Gli ambientalisti, finora, ne avevano localizzati 100.

Il ministero dell’Ambiente ha quindi ammesso la gravità del problema, sottolineando che “i prodotti chimici tossici sono all’origine di molte crisi ambientali, legate all’inquinamento dell’aria o dell’acqua”. “Ci sono anche casi molto gravi, come i villaggi del cancro in alcune regioni circoscritte”, si legge nel documento riportato oggi da Le Figaro in cui il ministero dell’Ambiente cinese annuncia la volontà di “proteggere e controllare i rischi derivanti da sostanze chimiche per l’ambiente nel periodo del piano quinquennale (2011-2015)”.

In Cina l’incidenza del cancro ha registrato un incremento dell’80% negli ultimi tre decenni, in coincidenza con la tumultuosa crescita economica del Paese, tanto da diventare la principale causa di morte, secondo quanto dichiarato dal ministero della Salute nel 2010, citato dal China Daily. Oggi, sono 2,7 milioni i cinesi che muoiono ogni anno per tumore, stando a quanto il mese scorso dallo stesso quotidiano che citato il rapporto annuale 2012 del Cancer Registry.

I ‘villaggi del cancro’ sono stati individuati la prima volta nel 2009 dal giornalista di inchiesta Deng Fei, della televisione di Hong Kong Phoenix TV, che ne recensì un centinaio, iniziando a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla correlazione tra inquinamento e malattie contratte dei residenti.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su