Le infezioni fanno strage in Italia. Ogni anno 49mila morti

Le infezioni stanno facendo strage in Italia. I dati emersi dal rapporto Osservasalute 2018 presentato a Roma fotografano una situazione addirittura più grave di quella, già critica, finora emersa.

Come emerge dal report, si è passati dai 18.668 decessi del 2003 a 49.301 del 2016 (i decessi si riferiscono a casi in cui la sepsi è presente tra la multimorbosità riportata sul certificato di morte). L’Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue.

In 13 anni, dal 2003 al 2016, il tasso di mortalità per infezioni è raddoppiato sia per gli uomini che per le donne. Tale aumento del fenomeno è stato osservato in tutte le fasce d’età, ma in particolar modo (circa il 75% dei casi) per gli individui dai 75 anni in su.

Come spiega il rapporto, i tassi regionali presentano un’alta variabilità geografica, con valori più elevati nel Centro e nel Nord e valori più bassi nelle regioni meridionali. Nel 2016 per gli uomini i valori più alti sono stati registrati in Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, i più bassi in Campania e Sicilia. Per quanto riguarda le donne, i più alti sono in Emilia Romagna e Liguria e livelli minori in Campania e Sicilia come per gli uomini. Il gap territoriale in parte potrebbe essere legato alla maggiore attenzione da parte delle strutture ospedaliere nel riportare le cause di morte nel certificato.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su