Infezioni mortali: gli antibiotici possono aumentare il rischio

Assumere antibiotici quando non servono espone al rischio di contrarre infezioni anche letali. A lanciare l’allarme sulle conseguenze di un uso improprio di questi farmaci  è un nuovo studio pubblicato sul numero di febbraio 2013 di Infection Control and Hospital Epidemiology, rivista della Society for Healthcare Epidemiology of America.

Dalla ricerca condotta dai ricercatori del Veterans Affairs Medical Center di Minneapolis è emerso, ad esempio, che nel trattamento dell’infezione da Clostridium difficile (C. difficile) spesso sono stati prescritti antibiotici inutili che fanno aumentare il rischio di reiterazione dell’infezione mortale.

L’infezione causata da questo batterio è una delle più comuni negli ospedali. I sintomi vanno da diarrea lieve a una recrudescenza grave che può anche portare alla morte.

I pazienti che presentano tale infezione sono spesso soggetti a recidive, soprattutto se assumono antibiotici nel tempo.

I ricercatori hanno scoperto che il 57% dei pazienti studiati, che presentavano un’infezione da C. difficile, avevano ricevuto un trattamento con antibiotici aggiuntivi durante l’infezione o entro 30 giorni dall’insorgenza. Ciò secondo gli studiosi ha fatto aumentare in modo sostanziale il rischio.
Il 77% di questi pazienti ha ricevuto almeno una dose inutile di antibiotico; il 26% dei pazienti ha ricevuto antibiotici esclusivamente non necessari.

“I nostri risultati dovrebbero servire come promemoria per medici e pazienti di usare gli antibiotici solo quando è assolutamente necessario, in particolare nei pazienti con una storia di C. difficile – ha spiegato K. Megan Shaughnessy, nel comunicato VAMC – I pazienti con C. difficile sono ad alto rischio di recidiva, in particolare con l’uso di antibiotici aggiuntivi. A causa di questo rischio maggiore, i medici dovrebbero mantenere una maggiore prudenza con la terapia antimicrobica”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su