Infertilità femminile: lo smog aumenta il rischio

Vivere vicino a una strada trafficata aumenta i problemi di infertilità per le donne. È quanto emerge da uno studio della Boston University pubblicato da Human Reproduction, secondo cui il rischio aumenta globalmente dell’11%.

I ricercatori hanno seguito oltre 36mila donne dal 1993 al 2003 analizzando i dati sull’inquinamento nelle aree di residenza. Nel periodo considerato sono stati segnalati 2500 casi di infertilità, con le donne che vivevano a meno di 200 metri dalle strade trafficate che hanno mostrato un rischio aumentato dell’11%.

Più nel dettaglio, riferiscono gli autori, il rischio di infertilità primaria, ovvero l’impossibilità cioè di concepire dopo un anno di tentativi, è risultato maggiore del 5%, una cifra troppo bassa per essere considerata statisticamente significativa, mentre per quella secondaria, cioè la difficoltà ad avere una seconda gravidanza dopo averne avuta una, il rischio è risultato
maggiore del 21%.

“In questo caso – spiegano gli autori – l’aumento è statisticamente significativo e anche se a
livello individuale può essere considerato non molto alto lo è a livello di una popolazione, perchè le donne esposte sono molte”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su