Immunologia: interleuchina 1 (IL-1)

L’IL-1 è la più potente citochina infiammatoria. La sua azione infiammatoria viene effettuata mediante la produzione di sostanze infiammatorie nelle cellule bersaglio, come NO e prostaglandine (PGE2), e stimolando la produzione di altre citochine infiammatorie e chemochine.

All’azione combinata di IL-1, IL-6 e TNF-α sono dovuti molti effetti sistemici di fase acuta. Ciascuna di queste citochine agisce sull’ipotalamo inducendo una risposta febbrile. Entro 12-24 ore, dall’inizio di una risposta di fase acuta, i livelli aumentati di queste citochine inducono la produzione di proteine di fase acuta da parte degli epatociti.

L’azione combinata sull’ipotalamo, oltre a produrre febbre, attiva il sistema ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), con conseguente rilascio di ACTH da parte dell’ipofisi e attivazione dell’asse neuroendocrino dello stress.

Nell’uomo sono stati identificati tre sottotipi dell’IL-1: l’IL-1α, l’IL-1β (la sola in grado di attivare il sistema HPA) e un terzo tipo rappresentato da una molecola antagonista dei recettori dell’IL-1

Le IL-1α e IL-1β provocano febbre, sonnolenza, anoressia e ipotensione, aumentano la sintesi di collagenasi (che induce l’assorbimento della cartilagine), abbassano la soglia del dolore, stimolano la sintesi di proteine infiammatorie e concorrono alla distruzione delle cellule pancreatiche produttrici di insulina.

L’antagonista dei recettori dell’IL-1 impedisce all’IL-1α e all’IL-1β di esplicare i loro effetti infiammatori e pirogeni. A questo meccanismo endogeno di controllo sull’IL-1 concorre anche l’α-MSH

L’IL-1 viene prodotta dai macrofagi dopo stimolazione antigenica, dalle cellule NK, ma può essere sintetizzata anche dalle cellule gliali e da neuroni localizzati in diverse regioni cerebrali, tra cui l’ipotalamo.

Le attività biologiche dell’IL-1 sono molteplici: stimola la proliferazione e la differenziazione delle cellule T; ha un ruolo importante nell’attivazione dei linfociti B, nella proliferazione dei fibroblasti e nello stimolare la sintesi di proteine infiammatorie; agisce, in sinergia con fattori di crescita ematopoietici, su precursori midollari molto immaturi; induce il riassorbimento delle cartilagini; interviene nella pirogenesi; induce la produzione di IL-2 che a sua volta stimola la proliferazione dei linfociti T.

Per ulteriori approfondimenti su questo argomento si rinvia al testo Multidisciplinarietà in Medicina.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su