Usa: 70% degli hamburger fatto con scarti dei macelli

Negli Stati Uniti il 70% degli hamburger venduti nei supermercati è fatto utilizzando gli scarti dei macelli. Pink slime, ovvero ‘melma rosa’, è il nuovo scandalo americano che riguarda gli Usa. Si tratta di una poltiglia rosa a bassissimo costo utilizzata per aumentare il volume della carne macinata di hamburger, wurstel, kebab, cotolette, salsicce, ripieni di tortellini e di ravioli, chicken nuggets, salami.

Il Pink slime, prodotto principalmente dall’azienda Beef Product Inc. (Bpi), viene venduto all’ingrosso ai maggiori produttori di carne, che lo usano come additivo per accrescere peso e volume dei prodotti che poi finiranno negli scaffali dei supermercati e dei fast food.

Negli Usa il caso è scoppiato all’inizio del mese di marzo, quando l’emittente televisiva ABC News ha raccontato che il 70% della carne macinata venduta negli Stati Uniti contiene Pink slime. Le leggi permettono infatti di scrivere “100% carne bovina” sulle confezioni anche quando il prodotto è costituito per il 15% da ‘melma rosa’.

Quest’ultima è fatta anche di cartilagini, tendini e altri tessuti connettivi, triturati molto finemente, separati dal grasso in presse ad alta pressione, fino a 200 atmosfere, irrorati poi con ammoniaca per evitare il problema dei batteri, “conditi con degli aromi artificiali” e quindi congelati. L’ammoniaca con cui viene trattato il Pink slime è solo l’ultimo ingrediente di un lungo elenco di prodotti chimici non etichettati usati nella lavorazione di quasi tutte le carni rosse e bianche industriali.

In seguito alla grande attenzione dei media e all’allarme lanciato dai consumatori, i produttori di carne bovina stanno già facendo i conti con un notevole calo della domanda.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su