Gravidanza: i cibi da mangiare e quelli da evitare quando si aspetta un bambino

Cosa mangiare e cosa evitare quando si aspetta un bambino? A far chiarezza sul tema della sicurezza alimentare in gravidanza è un documento del Centro interdipartimentale di ricerca e documentazione sulla sicurezza alimentare (CeIRSA) di Torino dedicato al benessere della donna durante tutte le fasi della vita, compresa la gravidanza.

È bene ricordare innanzitutto che non è assolutamente vero che una donna durante la gestazione debba mangiare per due, anzi l’apporto di energia quotidiano non aumenta di molto e il peso deve essere tenuto sotto controllo.

Cresce però il fabbisogno di alcuni nutrienti, come vitamine e minerali. Per far fronte all’aumento delle richieste nutrizionali, è importante seguire una dieta il più possibile varia, suddivisa in 4 o 5 pasti quotidiani, composta da alimenti freschi e di stagione, per assicurare un elevato contenuto di vitamine e minerali, e bere almeno due litri di acqua al giorno.

È importante evitare assolutamente il consumo di alcol, dannoso per il nascituro, e limitare quello di tè e caffè, preferibilmente deteinato e decaffeinato.

Da evitare o ridurre il più possibile il consumo di grossi pesci predatori e non mangiare il tonno più di due volte alla settimana, per limitare l’esposizione a metalli pesanti, come il mercurio, e sostanze inquinanti. Meglio preferire pesci come la sogliola, il merluzzo, il nasello, la trota, il dentice e l’orata.

Durante la gravidanza è necessario anche prestare particolare attenzione alla sicurezza microbiologica degli alimenti. Alcuni alimenti possono essere infatti veicolo di batteri patogeni come Salmonella o Listeria monocytogenes, e di parassiti come il Toxoplasma gondii, cause di infezioni alimentari o patologie del feto.

È importante dunque evitare alcuni alimenti e metodi di cottura durante la gravidanza, ed è fondamentale rispettare alcune norme generali in materia di sicurezza alimentare: lavarsi sempre le mani prima e dopo aver maneggiato alimenti crudi, consumare cibi preconfezionati subito dopo l’apertura e mai oltre la scadenza, conservare subito in frigorifero gli alimenti cotti e riscaldarli accuratamente fino al cuore prima del consumo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su